L’ACQUA NELLA BIBBIA CITATA 425 VOLTE.
INTRODUZIONE: La parola “acqua” è riportata 425 volte nella Bibbia:commentare
una parola tante volte è un po’ troppo ma qualcosa si può fare.
Ogni tanto ne prenderò una, cercherò di allargarne il senso e poi la offro a chi vuole.
In teoria, si potrebbe usare ogni volta prima di ciascuna riunione.
..……………………………………………………………………………………
1) GENESI 2,6: L’acqua saliva alla terra.
2) Questo modo di parlare nella Bibbia forse significa che all’inizio della
creazione c’erano degli immensi vapori acquei sprigionati dai potenti vulcani
che punteggiavano tutto il mondo. E’ fatica capire esattamente cosa si voglia
dire ma è chiara una idea: se l’acqua non si fosse formata è certo che la vita
sulla terra non ci sarebbe mai stata.
3) Quando una sonda spaziale raggiunge un pianeta o un asteroide, la prima cosa
che le si chiede di guardare è se ci sono indizi di acqua : se essi esistono, allora
tutto è possibile;altrimenti no.
4) Se ci fosse vita intelligente su altri pianeti varrebbe anche per loro la missione
di Gesù? Certamente: sarebbe assurdo che Gesù , se è Dio, lo fosse soltanto
per un pianeta coma la terra. Se quegli uomini intelligenti fanno il bene,sono
dalla parte di Dio; se operano il male, sono contro Dio, anche se non ne
conoscono il nome. D’altra parte, quanti uomini ancora oggi non sanno nulla
né di Cristo né di Maometto né di Buddha : sarebbe il colmo se comparissero
davanti a Dio e non fossero premiati o castigati secondo il bene o il male che
hanno fatto.
5) Noi comunque impegniamoci per il bene. Scriviamo su questo foglietto che vi
passiamo i modi con cui crediamo di poter agire per fare il bene. Alla fine li
leggeremo e sceglieremo un punto sul quale ci vogliamo impegnare
tutti.
6) GENESI 21, 14 : ABRAMO PRESE IL PANE ED UN OTRE D’ACQUA E
LO DIEDE AD AGAR , CARICANDOLI SULLE SUE SPALLE.
7) Questo episodio è molto importante: Abramo ha due figli ,uno Ismaele avuto
d Agar , la schiava egiziana, e l’altro Isacco, avuto da Sara , la moglie
legittima. Vedendo che le due donne non andavano d’accordo, Abramo prese il
pane e un otre d’acqua e lo diede ad Agar ,caricandoli sulle sue spalle; le
consegnò il fanciullo e li mandò via.
8) Agar se ne andò e si smarrì nel deserto di Bersabea .Tutta l’acqua dell’otre era
venuta a mancare.Allora essa depose il fanciullo sotto un cespuglio e si
allontanò per non vedere suo figlio morire. Stava disperandosi quando Dio la
chiamò e le disse di non temere perché aveva udito la voce del fanciullo: di lui
avrebbe fatto una grande nazione. Agar e il figlio si salvarono , Isamaele è
considerato il capostipite della nazione araba; sia lui che Isacco sono figli di
Abramo : quindi la popolazione ebraico-cristiana e quella araba sono sorelle
perché figlie dello stesso padre.

STEFANO BORZACCHELLI......CIRO BOVE....LORENZO SEVERINO